London Calling: qualche consiglio letterario (e non solo)

    Maggio 2019, «scegli una meta in Europa e partiamo». Festeggiamo così. Tre giorni a Londra.

    Io non ci torno da quando avevo sedici anni e mi aggiravo per le strade della City con gli ormai celebri occhialetti rossi. Ho pensato di racchiudere qui una piccola guida sulle librerie che mi hanno conquistata. Più qualche chicca.

    DOVE DORMIRE – LA CASA DEI LIBRI

    Stavo spulciando Airbnb quando casualmente mi sono imbattuta in questo piccolo appartamento. Vicino alla stazione di King’s Cross – a tre fermate di metro dall’incantevole Covent Garden – si trova La Casa Dei Libri (mio personalissimo soprannome), composta da un luminoso soggiorno pieno zeppo di libri, spartiti, cd, vinili, e anche piantine molto instagrammabili (Falangio + Filodendro Xanadu + Dracaena – riconosciute giocandomi subito l’aiuto da casa di Una Snob e Sebastiano di Le Georgiche).

    E ancora: una camera da letto che si affaccia su di un verdissimo e silenzioso cortile interno. Infine un bagno. Dato il contesto bohémienne, ecco, il bagno è piccino, con una vasca perfetta per l’atmosfera, meno per la praticità. Ma non importa. Perché quando sono entrata e la prima cosa che ho visto sul tavolo era una copia del London Reviews of Books ho capito. Era lei, la casa giusta. E tutto quello che è venuto dopo – la sera, le luci soffuse, la musica jazz – ha reso unici questi miei giorni londinesi.

    Consigliata per chi è un vero bibliofilo, per chi ama il vintage e infine per chi vuole fingere – almeno per un po’ – di abitare a Londra.

    Continua a leggere

  • Vicino al cuore di Clarice Lispector

    È il 1922. Chaya Lispector ha solo due anni. Con la famiglia è costretta a emigrare dall’Ucraina – massacrata dai pogrom della Guerra Civile – fino al Brasile. È lì che…

  • La mia città invisibile

    Dovete sapere che quando ho lasciato Genova – la mia amata città di mare – per trasferirmi a Torino, nella mia piccola mansarda (esatto, quella in cui ogni tanto piove), di…

  • Un marito. Intervista a Michele Vaccari

    «Cosa ci fai ancora qui?» Ha lo sguardo fisso su di me, mentre rolla una sigaretta con fare sicuro, eseguendo un rituale preciso. È primavera, ma l’aria è già calda a…